Di Joseph Magero, Campaign for Safer Alternatives.

Mentre il mondo celebra oggi la Giornata internazionale della gioventù, l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine invita i giovani a prendersi cura della propria salute e del proprio futuro. L'uso di droghe tra i giovani adulti è stato collegato a risultati negativi sulla salute e sociali negli anni successivi.

Al fine di raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG), richiederà che gli stati parti adottino misure appropriate per proteggere questa fascia di età dall'uso illecito di droghe. Tuttavia, la guerra al consumo di droga spesso prevale sui diritti dei giovani.

Riduzione del danno, o minimizzazione, si riferisce a una filosofia e a un insieme di pratiche che riconoscono l'uso di tale sostanza, che si tratti di alcol, droghe o sigarette – fa parte della vita. Mira a ridurre gli effetti dannosi negativi dell'uso di sostanze, piuttosto che semplicemente ignorarlo o condannarlo. Decenni di prove hanno rivelato che molte strategie di riduzione del danno sono altamente efficaci nel ridurre il consumo di tabacco, prevenire il sovradosaggio e ridurre altre fonti di morbilità e mortalità tra le persone che fanno uso di sostanze, compresi i giovani adulti che fanno uso di droghe illecite.

La maggior parte dei giovani adulti ritiene che i programmi di riduzione del danno esistenti abbiano una portata troppo ristretta e non affrontino l'intero spettro di preoccupazioni che influiscono sull'uso di sostanze, come problemi di salute mentale, relazioni familiari e con i coetanei.

I programmi sull'uso di droghe per i giovani e le strategie educative sono spesso informati da approcci di prevenzione che enfatizzano l'astinenza, che spesso non ha risonanza con i giovani nella loro mancanza di riconoscimento del contesto sociale dei giovani e di come i giovani percepiscono gli effetti positivi dell'uso di sostanze. Inoltre, gli approcci alla prevenzione del consumo di droga sono stati criticati in quanto adottano un approccio unico per tutti e quindi inadeguati nell'affrontare il consumo di droga nel contesto della variazione della popolazione e delle disuguaglianze. Servizi di riduzione del danno, come programmi di servizi di siringhe, educazione al sovradosaggio, distribuzione di naloxone, strisce reattive al fentanil e sigarette elettroniche, aiutano a ridurre i problemi di salute e i decessi dovuti all'uso di sostanze negli adulti. Eppure pochi di questi programmi sono progettati intorno ai bisogni dei giovani e la maggior parte li esclude del tutto.

Modelli di successo riduzione del danno che forniscono servizi di overdose e prevenzione dell'HIV esiste per adolescenti e giovani adulti. Le sigarette elettroniche rappresentano un'alternativa più sicura che riduce i rischi associati alla salute. Mentre alcuni critici hanno sostenuto che l'uso della sigaretta elettronica è una via d'accesso al fumo, è vero il contrario. Le sigarette elettroniche forniscono una via d'accesso al fumo e sono state utilizzate da milioni di fumatori per ridurre i rischi per la salute associati al consumo di tabacco.

Una recente analisi di tendenze nell'uso della nicotina in Inghilterra suggerisce che la cosiddetta teoria del gateway di svapo è non la spiegazione. Il vero motivo del collegamento potrebbe essere che i giovani adulti che iniziano a svapare sono gli stessi che probabilmente proveranno a fumare, indipendentemente dal fatto che abbiano mai una sigaretta elettronica. I medici rischiano di limitare le opportunità di coinvolgimento e di perdere la fiducia dei giovani pazienti concentrandosi su messaggi basati sull'astinenza. I programmi di riduzione del danno disponibili, troppo spesso escludono i giovani, anche se non ci sono ragioni scientifiche o basate sull'evidenza per quei limiti di età.

Ma anche quando vengono forniti servizi legalmente disponibili, molti giovani stanno lontani dai programmi che servono principalmente gli adulti. Le barriere includono l'elusione delle forze dell'ordine, la sfiducia nei confronti degli adulti nell'autorità e la paura di stare con gli anziani che fanno uso di sostanze. È necessario che i quadri legali e politici relativi all'uso di droghe e alla fornitura di servizi siano riesaminati e modificati per rimuovere le barriere in modo che i giovani adulti possano realizzare il loro diritto alla salute e accedere facilmente ai prodotti e servizi disponibili. Sebbene la rimozione dei limiti di età ai servizi di riduzione del danno sia un buon inizio, ciò che serve è una programmazione progettata per soddisfare le esigenze dei giovani da zero e sensibile alle identità intersecanti dei giovani.

Creando più programmi incentrati sui giovani e offrendo servizi di riduzione del danno, i responsabili politici e gli operatori sanitari possono salvare vite e creare più punti di accesso alle cure e all'assistenza sanitaria per i giovani persone che fanno uso di droghe. Non riuscire a trovare soluzioni rappresenta un'opportunità persa per proteggere e migliorare la salute della prossima generazione di giovani in tutto il mondo.

further reading