Logo

Actualizaciones

Articoli significativi

1.

Le verità sullo svapo del dottor Col: combattere la disinformazione in Australia

Una nuova campagna video del governo del Queensland sta utilizzando fondi pubblici per evidenziare informazioni errate sullo svapo. La serie del Dr. Colin Mendelsohn, Dr. Col's Vape Truths, sta per porre fine a questa diffusione di informazioni errate.

Una serie di otto video disinformati(1) sono stati pubblicati sul sito web del governo del Queensland. La serie mostra un noto commentatore scientifico Dr. Karl Kruszelnicki afferma informazioni errate sullo svapo. I video si concentrano sullo svapo di ingredienti (chiamandoli "tossici"), affermano che le nuvole di svapo causano il cancro e affermano che lo svapo può avere un grave impatto sulla respirazione. Tuttavia, non esiste una ricerca scientifica affidabile per dimostrare o provare le affermazioni del Dr. Kruszelnicki.

Dott. Colin Mendelsohn, che ha lavorato nel trattamento del tabacco per 40 anni, ha risposto a questa campagna di disinformazione creando otto video per fornire informazioni corrette(2). Dott. Mendelsohn sottolinea che lo svapo è molto meno tossico del fumo, il rischio di cancro derivante dallo svapo è molto inferiore rispetto al fumo e lo svapo di nicotina non provoca gravi danni ai polmoni.

In un articolo pubblicato su Planet of the Vapes, Nancy Loucas, Executive Coordinator della Coalition of Asia Pacific Tobacco Harm Advocates (CAPHRA) [di recente],

“Il tasso di fumo complessivo dell'Australia si è appena mosso negli ultimi anni, mentre quello della Nuova Zelanda si è dimezzato negli ultimi dieci anni. La Nuova Zelanda promuove lo svapo come strumento efficace per smettere di fumare, mentre l'approccio "smetti o muori" dell'Australia al controllo del tabacco lascia i suoi 2,3 milioni di fumatori che vogliono di più.

CAPHRA ulteriori stati che "l'Australia è ancora più indietro la regione Asia-Pacifico, con le Filippine che sono l'ultimo paese a regolamentare l'importazione, la produzione, la vendita, l'imballaggio, la distribuzione e l'uso dello svapo."(3)

L'Australia è, infatti, l'unica democrazia occidentale che richiede agli utenti di avere una prescrizione di nicotina per svapare (3), ma ogni anno si stima che 20.500 australiani perdano la vita a causa del fumo, il che rappresenta 13% dei decessi in Australia (4).

Si spera che Dr Col's Vape Truths riesca a combattere le idee sbagliate del pubblico e degli operatori sanitari sulla nicotina e lo svapo. Come strumento di riduzione del danno, questi video sono supportati dalla ricerca che mostrano i benefici benefici per la salute ottenuti quando i fumatori passare allo svapo (5).

Per ulteriori informazioni, visitare tobaccoharmreduction.net per ulteriori resources e studi su ricerca sullo svapo.

Riferimenti

(1) Queensland Government. Vape truths: Dr Karl's vape truths [Internet]. c2022 [updated 2022 Jun; cited 2022 Aug 22 ]. Available from https://www.vapetruths.initiatives.qld.gov.au/dr-karls-vape-truths.

(2) Dr Colin Mendelsohn. Dr Col’s vape truths. [Internet]. c2022 [updated 2022; cited 2022 Aug 22] https://colinmendelsohn.com.au/dr-cols-vape-truths/

(3) Planet of the Vapes. Aussie propaganda exposed. [Internet]. c2022 [updated 2022 Aug 15; cited 2022 Aug 22] https://www.planetofthevapes.co.uk/news/vaping-news/2022-08-15_aussie-propaganda-exposed.html

(4) Australian Bureau of Statistics. Pandemic insights into Australian smokers, 2020-21. [Internet]. c.2021 [updated 2021 Oct 12; cited 2022 Aug 22] https://www.abs.gov.au/articles/pandemic-insights-australian-smokers-2020-21#:~:text=Tobacco%20smoking%20is%20one%20of,Australia%20in%202018%5B1%5D

(5) Polosa R, Rodu B, Caponnetto P, Maglia M. A fresh look at tobacco harm reduction: The case for the electronic cigarette. Harm Reduction Journal [serial online]. [cited 2022 Aug 22]; 10(19). Available from: Springer Nature

2.

Il governo Australiano potrebbe prevenire fino a 104.200 morti entro il 2080 rilassando le restrizioni sui prodotti svapanti, dice uno studio della georgetown university (USA).

Uno studio condotto da un'istituzione leader, indaga sul potenziale impatto della riduzione delle restrizioni sui prodotti di svapo sulla salute pubblica in Australia. Il manoscritto accettato, pubblicato sulla rivista Nicotine & Tobacco Research, è stato scritto dai principali ricercatori Professori David Levy, Coral Gartner, Ron Borland e Michael Cummings.

Fai clic qui per leggere l'articolo completo.

Per accedere al nostro e-book clicca qui.

Fai clic qui per rivedere alcune informazioni sui prodotti per smettere di fumare e per saperne di più su come salvare vite umane attraverso la difesa della THR, fai clic su qui.

Studio SAVM - Aus.jpeg

3.

Nuovo webinar: la prof.ssa rumena Dr. Mihaela Răescu, esperta di odontoiatria e ricercatrice, parla con Thr.net

THR.net è stato recentemente raggiunto dal Professoressa di odontoiatria rumeno Mihaela Răescu in un webinar, in cui lei parla apertamente delle principali questioni relative alla THR in Odontoiatria, migliorare la salute orale nei fumatori che utilizzano la riduzione del danno da tabacco, i vantaggi dentali del passaggio al tabacco riscaldato prodotti e aree di ricerca che vorrebbe perseguire nella riduzione del danno da tabacco.

Fai clic di seguito per guardare il webinar completo e fai clic QUI per visualizzare alcuni mini clip!

4.

MICHELLE MINTON, THR ADVOCATE E POLICY ANALYST DELLA REASON FOUNDATION, PARLA CON THR.NET

Siamo stati raggiunti da Michelle Minton, ricercatore sulla nicotina e analista politico per discutere di argomenti chiave nella riduzione del danno da tabacco. Abbiamo parlato di cose come: i benefici non detti del tabacco e della nicotina, la verità sullo svapo e sul polmone dei popcorn e di come le narrazioni possono impedire alle persone di guardare oggettivamente le prove.

Per vedere alcuni mini clip del webinar, fai clic su QUI.

Oppure fai clic qui sotto per guardare il webinar completo sul nostro canale YouTube.

5.

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA GIOVENTÙ: LA RIDUZIONE PUÒ DANNEGGIARE A VANTAGGIO I GIOVANI?

Di Joseph Magero, Campaign for Safer Alternatives.

Mentre il mondo celebra oggi la Giornata internazionale della gioventù, l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine invita i giovani a prendersi cura della propria salute e del proprio futuro. L'uso di droghe tra i giovani adulti è stato collegato a risultati negativi sulla salute e sociali negli anni successivi.

Riduzione del danno, o minimizzazione, si riferisce a una filosofia e a un insieme di pratiche che riconoscono che l'uso di sostanze, che si tratti di alcol, droghe o sigarette, è una parte della vita. Mira a ridurre gli effetti dannosi negativi dell'uso di sostanze, piuttosto che semplicemente ignorarlo o condannarlo.

Fare clic su QUI per leggere l'articolo completo su Youth and Harm Reduction.

Giornata internazionale della gioventù.jpeg

6.

Amanda Wheeler, sostenitrice di THR e proprietaria di Jvapes, parla con THR.net sul recente webinar

Abbiamo avuto il privilegio di parlare con Amanda Wheeler, per discutere di questioni importanti in riduzione del danno da tabacco, ad esempio: come correggiamo la disinformazione in questo spazio? Quale vantaggio ha avuto Juul nel convertire le persone dal fumo allo svapo? Che ruolo giocano i sapori nella riduzione del danno?

Per vedere alcuni mini clip del webinar, clicca QUI.

Oppure fai clic qui sotto per guardare il webinar completo sul nostro canale YouTube.

7.

LA NICOTINA E LA STRANZA DEL DANNO – NUOVO ARTICOLO DI CLIVE BATES

"La disponibilità di nicotina con danni minimi giustifica un ripensamento completo del nostro approccio a questa droga ricreativa legale".

L'ultimo articolo di Clive Bates di Counterfactual Consulting nella rivista di reporter del tabacco fornisce alcuni spunti interessanti sulle sue opinioni sulla stranezza del motivo per cui i prodotti a base di nicotina a basso rischio vengono demonizzati e confrontati con droghe di classe A come l'eroina o la cocaina. Clive discute i vantaggi della nicotina, dal miglioramento della cognizione e della concentrazione alla riduzione dello stress e dell'ansia, e pone la domanda: perché non stiamo riconsiderando la nicotina e considerando che il suo uso non è poi così dannoso? E se il vero problema fosse sempre l'inalazione di fumo tossico mentre si cerca di consumare nicotina per i suoi benefici?

Clive discute le diverse forme che questa "stranezza dei danni" assume quando si tratta di questo farmaco a basso rischio.

Clicca qui per leggere l'articolo completo.

nicotine-small-1024x683.jpg

8.

LETTERA AL PM MALESE: UN APPELLO PER UNA REGOLAMENTAZIONE PROPORZIONATA AL RISCHIO DEI FINE

Il 14 luglio 2022, un comunicato stampa della Malesia ha riferito che la bozza della proposta Tobacco and Smoking Control Bill era stata approvata dal gabinetto. Il ministro della Salute Khairy Jamaluddin ha dichiarato: “Il disegno di legge è stato approvato ieri dal gabinetto. Quindi lo manderò al Parlamento per questa sessione". La proposta Bill contiene disposizioni per vietare la vendita di sigarette, tabacco e prodotti da svapo ai nati dopo il 2005.

13 esperti di salute pubblica sono stati invitati a rispondere a questa proposta di legge, e hanno iniziato elogiando gli sforzi del governo per rafforzare la prevenzione e il controllo delle malattie legate al tabacco combustibile e della morte prematura. Tuttavia, hanno avvertito delle conseguenze non intenzionali di regolamentare i prodotti non combustibili a rischio ridotto allo stesso modo delle sigarette combustibili. Hanno sottolineato due punti importanti su ENDS:

  1. Non comportano combustione e quindi non creano prodotti di combustione, e
  2. In misura crescente, possono sostituire il fumo per molti fumatori.

In questa lettera inviata al PM malese e nel Gabinetto, gli esperti li hanno esortati a sostenere i fumatori incoraggiando un passaggio di massa dall'alto rischio sigarette a basso rischio ENDS utilizzando una regolamentazione proporzionata al rischio, accelerando così la fine dell'epidemia di malattie legate al fumo. Leggi la lettera completa qui.

Malysia Letter to PM ENDS July 2022.png

9.

CONSULTAZIONE PUBBLICA DEL BANGLADESH SULLE ESTREMITÀ: LETTERA PRESENTATA DA ESPERTI AL BANGLADESH MOH CHE OFFRE COMMENTI SULLA LEGGE SULL'USO (CONTROLLO) DEI PRODOTTI DEL TABACCO E DEL FUMATORE, 2005 (MODIFICATA NEL 2013).

Una lettera di un gruppo internazionale di leader sanitari, dell'UE, del Nord e del Sud America, dell'Africa e dell'Asia è stata inviata al ministro della Salute del Bangladesh, chiedendo al ministero di considerare di non vietare l'uso di alternative a base di nicotina senza fumo per sigarette combustibili e di utilizzare una politica di regolamentazione basata sull'evidenza per fare di più per proteggere la salute dei 164,7 milioni di persone del Bangladesh. In particolare il 34,7% degli adulti in Bangladesh che consuma ancora sigarette combustibili. Gli esperti hanno chiesto al governo del Bangladesh di sostenere i fumatori incoraggiando un passaggio di massa dalle sigarette ad alto rischio alle ENDS a basso rischio e accelerando la fine dell'epidemia di malattie legate al fumo.

Clicca qui per leggere la lettera.

MoH Bangladesh.png

10.

GLI ESPERTI GLOBALI CHIEDONO UN MAGGIORE ACCESSO A PRODOTTI A NICOTINA PIÙ SICURI

La chiamata è stata lanciata da esperti di salute pubblica riuniti alla nona edizione del Forum globale sulla nicotina, tenutasi a Varsavia questo mese.

Il Global Forum on Nicotine (GFN) è un evento annuale che si tiene dal 2014 sotto forma di una conferenza internazionale incentrata sul futuro dei prodotti a base di nicotina, sulle loro normative legali e sull'impatto di questi prodotti sulla salute pubblica. Ospitando centinaia di esperti di salute pubblica, consumatori di nicotina e attivisti da tutto il mondo, il tema dell'evento era "la riduzione del danno da tabacco è qui per sempre".

Il tema del forum ha spiegato che la riduzione del danno da tabacco attraverso prodotti a base di nicotina più sicuri può accelerare la fine del fumo e invita le parti interessate del governo a esplorare la scienza alla base di questo approccio. Sono necessari cambiamenti politici e normativi per massimizzare il suo potenziale e gli ostacoli alla sua attuazione in tutto il mondo.

I paesi che applicano politiche di riduzione progressiva del danno da tabacco stanno assistendo a un calo significativo dei tassi di fumo. Mentre coloro che seguono la guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (MPOWER) continuano a sperimentare malattie e decessi eccessivi legati al fumo.

Un nuovo studio (condotto dal Dr. Lars M. Ramström) lanciato nel forum mostra che l'attuazione delle misure di controllo del tabacco dell'Organizzazione Mondiale della Sanità note come MPOWER non ha una chiara associazione con bassi livelli di mortalità correlata al tabacco.

Invece, la ricerca indipendente del famoso ricercatore sulla dipendenza dal tabacco, mostra che il passaggio dal fumo allo snus in stile svedese, un prodotto a base di nicotina più sicuro, è una strategia più efficace per ridurre i danni causati dal tabacco.

Presentate a centinaia di delegati, nonché a oltre 50 esperti internazionali di scienza del tabacco e della nicotina, le nuove scoperte del Dr. Lars Ramström forniscono ulteriori prove del fatto che l'Organizzazione Mondiale della Sanità deve abbracciare la riduzione del danno da tabacco come parte della sua strategia globale di controllo del tabacco, sostenendo l'uso di alternative più sicure alla nicotina per smettere di fumare.

GFN 2022.jpg

11.

NUOVO WEBINAR - MALESIA: SULLA STRADA DELLA VITA - RISPARMIO ALTERNATIVE. UN BANDO DI REGOLAMENTO A TUTELA DEI CONSUMATORI

Il 22 giugno si è svolto un webinar ospitato da thr.net. Moderato dal Dr. Delon Human e da Jessica Perkins di tabaccoharmreduction.net, il panel comprendeva il principale esperto medico Dr. Konstantinos Farsalinos, il professor Sharifa Ezat Wan Puteth, presidente della Malaysian Society for Harm Reduction e il professor Neil McKeganey, direttore del Center for Substance Usa la ricerca presso l'Università di Glasgow.

“Molti fumatori malesi vedono le sigarette elettroniche e altre alternative alla nicotina non combustibili come scale antincendio. Dobbiamo promuovere una regolamentazione basata sull'evidenza che dia conforto ai consumatori nel passare dalle alternative più dannose a quelle meno dannose." - ha affermato il dott. Delon Human.

I 3 eminenti accademici hanno discusso della necessità di una regolamentazione dei prodotti per la riduzione del danno da tabacco (THR) in Malesia e di idee sbagliate su prodotti e aromi alternativi alla nicotina.

Idee sbagliate chiave e ruolo degli operatori sanitari

Il sondaggio Kantar ha mostrato che molti adulti in Malesia sono male informati sul rischio relativo dei prodotti THR come lo svapo. Più di un terzo dei malesi le percepisce come più dannose o dannose delle sigarette. "Queste cifre sottolineano l'importanza degli operatori sanitari per incoraggiare gli sforzi per smettere di fumare", ha affermato il professor Neil McKeganey.

Tuttavia, il sondaggio mostra che solo il 4% delle persone che svapa ha affermato di essere stato incoraggiato a farlo da un operatore sanitario. Ciò deriva anche dal fatto che molti di loro non comprendono i rischi relativi dello svapo o il fatto che la nicotina stessa non provoca il cancro.

Tutti i relatori hanno convenuto che c'è un ruolo enorme da svolgere da parte degli operatori sanitari nel consigliare ai fumatori di passare a prodotti meno rischiosi, come lo svapo. Ma per fare ciò, è necessario dissipare le idee sbagliate sui prodotti a rischio ridotto.

La professoressa Sharifa Ezat ha parlato della resistenza di THR da parte di regolatori e responsabili politici, poiché si tratta di un concetto relativamente nuovo e la percezione del rischio è distorta da resoconti dei media esagerati e allarmanti.

Il sondaggio ha anche rilevato che il 52% dei fumatori malesi percepisce lo svapo come meno dannoso del fumo di sigaretta. Su questa base, l'86% ha affermato che lo svapo dovrebbe essere reso disponibile ai fumatori come un prodotto meno dannoso e il 90% ritiene che lo svapo dovrebbe essere attivamente promosso come un'alternativa meno dannosa al fumo di sigaretta.

La buona notizia del sondaggio, tuttavia, è che coloro che sono effettivamente riusciti a passare allo svapo, lo hanno fatto per ridurre il fumo o smettere completamente (49%).

L'uso degli aromi nello svapo

Il sondaggio Kantar ha mostrato che quasi un terzo degli intervistati (61%) che svapa usava aromi di frutta, quindi l'uso di aromi è un modo potente per le persone di ridurre o smettere di fumare del tutto. Il dott. Farsalinos ha commentato le questioni relative ai sapori e ha sottolineato che se i prodotti non hanno un buon sapore, è improbabile che i fumatori vorranno usarli per smettere di fumare. Ciò che può impedire agli utenti di sigarette elettroniche di ricadere nelle sigarette, è fornire loro una varietà di gusti tra cui scegliere, mantenendo l'esperienza della sigaretta elettronica più interessante.

Dobbiamo fornire soluzioni pratiche attraverso una regolamentazione basata sul rischio

In Malesia oggi, i prodotti delle sigarette elettroniche non sono regolamentati, il che da un lato significa che gli utenti possono accedere facilmente a prodotti che possono aiutarli a cambiare o smettere di fumare; ma d'altra parte offre ai produttori di scarsa qualità l'opportunità di utilizzare ingredienti potenzialmente pericolosi, causando danni ai consumatori.

Lo studio Kantar ha visto che i consumatori sono disposti ad abbracciare la regolamentazione dei prodotti THR e i membri del panel concordano sul fatto che la regolamentazione è necessaria per evitare di avere sul mercato articoli scadenti che potrebbero essere pericolosi per la salute delle persone. Tuttavia, come dimostrato da altri paesi, una cattiva regolamentazione può indurre le persone a tornare al fumo o a non passare mai allo svapo in primo luogo.

Il successo può essere raggiunto solo attraverso un'adeguata informazione, conoscenza e legislazione favorevole. Il professor McKeganey ha affermato che ciò che sarà importante per qualsiasi futura legislazione sui prodotti THR in Malesia è che aumenta l'accessibilità, la disponibilità e la sicurezza di questi prodotti rispetto alle sigarette.

Questo webinar è stato l'inizio di un tanto necessario dibattito in Malesia sulla riduzione del danno da tabacco. Ha evidenziato come i consumatori si sentono al riguardo e dove possono andare dopo.

12.

RIDUZIONE DEL DANNO DEL TABACCO RESET: SALVA VITE ATTRAVERSO LA REGOLAZIONE DEL SUONO

Ci sono 1,1 miliardi di fumatori in tutto il mondo e i prodotti del tabacco combustibili continuano a uccidere più di 8 milioni di consumatori all'anno. Sebbene la maggior parte dei fumatori voglia smettere, solo il 4% riesce. Per quei fumatori adulti che non vogliono o non sono in grado di smettere di fumare, i prodotti alternativi a base di nicotina non combustibili ora offrono una "via di fuga". Questi prodotti rappresentano "strategie di riduzione del danno", previste nell'articolo 1(d) della Convenzione quadro dell'OMS sul controllo del tabacco (FCTC). Quali sono gli ostacoli normativi all'accelerazione della riduzione del danno da tabacco, come coadiuvante del controllo del tabacco? Quali principi normativi devono essere stabiliti, ridimensionati e sfruttati per salvare più vite di fumatori adulti? Come possiamo sfruttare l'innovazione nella riduzione del danno per rendere più efficiente il controllo preventivo del tabacco e liberare risorse per l'assistenza sanitaria globale?

Siamo stati raggiunti per un dialogo virtuale da un distinto gruppo di esperti di riduzione del danno;

Prof. Heino Stöver dell'Università di Scienze Applicate di Francoforte Dr. Derek Yach: ex Direttore dell'OMS e consulente sanitario globale

Il quadro RESET è stato discusso dal panel. Le informazioni seguenti fanno luce su ciò che esattamente questo framework comporta:

R = regolamentazione basata sul rischio (etichettatura, confezionamento, promozione)

E = Garantire l'uso previsto (impedire l'accesso dei giovani, sicurezza)

S = Sicurezza e Qualità (ingredienti, norme di prodotto, prove + conformità alla normativa chimica ed elettronica)

E = Considerazioni ambientali (ciclo di vita di ENDS, regolazione dell'impatto ambientale, allineamento con gli standard ESG)

T = Tracciabilità e Politiche Fiscali (regolamento che garantisce l'autenticità del prodotto lungo tutta la filiera, politiche fiscali proporzionate al rischio)

La registrazione del webinar può essere vista qui.

13.

SEI DIFFERENZE TRA RIDUZIONE DEL DANNO E DIVIETO

Questo mese celebriamo tre eventi importanti: la Giornata internazionale per la riduzione del danno il 7 maggio, la Giornata mondiale dello svapo il 30 maggio e la Giornata mondiale senza tabacco il 31 maggio. Nonostante l'impressione dualistica che si deriva dal linguaggio bellicoso che spesso rovina la discussione tra le comunità di "controllo del tabacco" e "riduzione del danno da tabacco" (THR), in realtà condividono un obiettivo comune: ridurre al minimo le malattie legate al tabacco e la morte prematura .

L'approccio alla riduzione del danno è già sancito dall'articolo 1d della Convenzione quadro dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sul controllo del tabacco (FCTC). Eppure le loro politiche e il discorso pubblico non riflettono questo. In un recente aggiornamento della sezione Domande e risposte del sito Web dell'OMS sulle sigarette elettroniche, hanno continuato ad affermare quanto segue: • Le sigarette elettroniche sono "pericolose", "nocive" e "tossiche", senza alcun riferimento al rischio relativo rispetto ai combustibili sigarette • Le sigarette elettroniche forniscono una via d'accesso ai giovani verso le sigarette: questa affermazione non è supportata da alcuna prova solida, ed è stata infatti confutata da numerosi esperti di salute pubblica • Lo svapo può causare danni ai polmoni, erroneamente chiamato "EVALI" - una falsa rappresentazione che è 'uccidere persone' • "Ad oggi, le prove sull'uso di ENDS come aiuto per la cessazione sono inconcludenti" - fare riferimento alla revisione sistematica vivente della Cochrane Collaboration che indica che le sigarette elettroniche aiutano i fumatori a smettere di fumare e probabilmente in modo più efficace della sostituzione della nicotina terapia.

Questa falsa rappresentazione dei fatti sta sprecando l'opportunità di aiutare milioni di fumatori a passare a prodotti molto meno dannosi, come vaporizzatori e sacchetti di nicotina. Qui sta la differenza di approccio tra i sostenitori di THR; supportato da prove e pragmatismo, THR sostiene la fornitura, piuttosto che il divieto, di alternative più sicure a coloro che stanno lottando per smettere di fumare. Ecco sei modi in cui la riduzione del danno differisce dal divieto:

1. Dogmatico vs Aperta

Nelle riunioni biennali della Conferenza delle Parti (COP) della FCTC, i ministri di tutto il mondo si riuniscono per condividere i loro progressi nell'attuazione delle misure di controllo del tabacco. Questi forum offrono un'opportunità per la cooperazione internazionale. Il problema è che escludono qualsiasi prospettiva favorevole alla riduzione del danno, nonostante la motivata implorazione di centinaia di esperti indipendenti. All'interno di questi incontri ideologicamente confinati, vengono assegnati premi a coloro che seguono la linea dogmatica di condannare lo svapo. Sorprendentemente, nel 2019 il ministro della salute indiano è stato elogiato con un riconoscimento speciale per il divieto delle sigarette elettroniche da parte del suo paese, nonostante prove solide che siano almeno il 95% più sicure delle sigarette. Piuttosto che considerare tutto il consumo di nicotina con un'ostilità inconciliabile, i sostenitori della riduzione del danno riconoscono che la nicotina non è il nemico. Hanno una mentalità aperta sul continuum di rischio dei prodotti, con l'obiettivo finale di aiutare le persone ad allontanarsi da quelli più dannosi.

2. Punitivo vs Compassionevole

Dopo un recente divieto delle sigarette elettroniche a Hong Kong (nonostante le prove che stanno aiutando a ridurre i tassi di fumo), due persone sono state recentemente arrestate per aver venduto prodotti per lo svapo di nicotina. Mentre la vendita di sigarette rimane legale e diffusa, il costo della vendita di sigarette elettroniche è fino a 6 mesi di reclusione. Al contrario, sull'Isola di Man, un divieto del 2008 sul tabacco in prigione ha portato i detenuti a fumare materiali illeciti, tra cui bucce di banana, bustine di tè e cerotti alla nicotina. In risposta, uno schema pilota ha introdotto la fornitura di sigarette elettroniche regolamentate per i detenuti da utilizzare nelle loro celle e negli spazi esterni. Dall'inizio del processo, ci sono stati il ​​58% in meno di avvertimenti comportamentali, un aumento del 25% nell'intenzione di smettere di fumare e un risparmio annuale di £ 8500 sui cerotti alla nicotina.

3. Idealista vs Pragmatico

Guidare in macchina è un'attività con rischi intrinseci. È possibile adottare misure ragionevoli per ridurre al minimo i danni causati dalla guida, come cinture di sicurezza e limiti di velocità. Allo stesso modo, i sostenitori della riduzione del danno accettano che le sigarette elettroniche, come la guida, non siano completamente prive di rischi. Tuttavia, vi sono prove crescenti, oltre ogni ragionevole dubbio, che sono significativamente più sicure delle sigarette. Tenendo presente questo e il fatto che solo il 4-7% dei fumatori riesce a smettere con le misure tradizionali, l'approccio pragmatico è quello di offrire alternative più sicure. Uno studio randomizzato pubblicato nel 2019 ha mostrato che l'uso di sigarette elettroniche ha quasi raddoppiato le possibilità di smettere di fumare rispetto alla terapia sostitutiva della nicotina.

4. Ideologico vs Basato sull'evidenza

Come descritto in precedenza, l'attuale posizione dell'OMS è che "le prove sull'uso di ENDS come aiuto per la cessazione sono inconcludenti". Questa affermazione è ideologicamente guidata, piuttosto che basata sull'evidenza. Al contrario, un elenco crescente di organizzazioni ed esperti di salute pubblica rispettabili e indipendenti sta riconoscendo l'enorme potenziale dello svapo per sostituire il fumo e migliorare la salute individuale e della popolazione. Due ex direttori del controllo delle malattie non trasmissibili presso l'OMS, la prof.ssa Ruth Bonita e il prof. Robert Beaglehole, hanno affermato: "Il continuo disprezzo dell'OMS per la ricchezza di prove sul valore di questi prodotti sta condannando milioni di fumatori a malattie prevenibili e alla morte prematura .”

5. Stigmatizzare vs Accettare

Al recente E-Cig Summit a Washington DC, Marc Slis ha pronunciato un discorso memorabile come ex proprietario di un negozio di fumatori, vaper e vaporizzatori. Commentando le campagne allarmistiche della lobby anti-vaping, ha affermato: "I fumatori sono trattati come un danno collaterale accettabile in una guerra contro Big Tobacco. Hai addestrato il pubblico a disprezzarci. Ci hai addestrato a disprezzare noi stessi”. Non è necessario che sia così; i professionisti della riduzione del danno si impegnano a incontrare le persone "dove sono" nelle loro vite senza giudizio. La riduzione del danno si concentra sulla motivazione del cambiamento positivo attraverso la facilitazione piuttosto che la coercizione.

6. Autoritario vs Autonomo

Un ottimo esempio dell'approccio autoritario dei proibizionisti è il modo in cui alla Rete internazionale delle organizzazioni dei consumatori di nicotina (INNCO) è stato ripetutamente negato lo status di osservatore alle riunioni della COP della FCTC. Invece di impegnarsi quotidianamente con le stesse persone interessate dalle loro decisioni, l'OMS continua a escluderle dalla conversazione. Al contrario, le strategie di riduzione del danno sottolineano l'importanza di consentire alle persone di avere il controllo sulla propria salute per vivere una vita più sana. Rispetta i diritti dei consumatori, compreso il diritto di scelta.

Prohibition vs Harm Reduction.png

14.

EU CALL FOR EVIDENCE – IL QUADRO DI CONTROLLO DEL TABACCO: FATE SENTIRE LA TUA VOCE

Scadenza bando: 17 giugno

Leggi qui il brief "Valutazione del quadro legislativo per il controllo del tabacco" e fai clic QUI per inviare le tue opinioni.

La Commissione europea vorrebbe conoscere le vostre opinioni sui modi moderni per gestire e frenare la dipendenza dal fumo. La futura regolamentazione del tabacco deve basarsi su dati e prove solide per garantire il rischio: viene adottata una regolamentazione proporzionata per le nuove categorie di prodotti.

La Commissione valuterà il quadro legislativo sul controllo del tabacco, vale a dire la promozione, la sponsorizzazione, la regolamentazione dei prodotti e la pubblicità, nel più ampio contesto di altre politiche di controllo del tabacco correlate. Ciò avviene in risposta al rapido aumento dei recenti progressi tecnologici nei prodotti emergenti.

Questa valutazione valuterà in che misura il quadro ha raggiunto i suoi obiettivi e se è in grado di sostenere una "generazione senza tabacco" entro il 2040, come annunciato nel Piano europeo per combattere il cancro.

Call for evidence graphic.jpeg

15.

UN NUOVO STUDIO DI TAIWAN RIVELA CHE FINO AL 43% DEI FUMATORI UTILIZZA UN PRODOTTO SOSTITUTIVO PER LA RIDUZIONE DEL DANNO DEL TABACCO COME MEZZO PER RIDURRE IL FUMARE O SMETTERE DEL TUTTO DI FUMARE.

La maggior parte degli intervistati era preoccupata per il fatto che vietare lo svapo avrebbe aumentato il mercato nero e avrebbe accolto con favore una legge che garantisse norme proporzionate al rischio per i prodotti alternativi alla nicotina (a condizione che le prove dimostrassero che aiutavano i fumatori a passare dalle sigarette) e vietasse la vendita ai minori. Alla fine del 2021, Kantar ha intrapreso uno studio a Taiwan sull'uso e gli atteggiamenti nei confronti dello svapo, dei prodotti del tabacco e delle sigarette. Inoltre, Kantar ha lavorato alla progettazione del sondaggio, all'analisi e alla rendicontazione dei risultati.

Approccio e risultati del sondaggio

È stato utilizzato un approccio online con gli intervistati contattati tramite il panel dei consumatori di Kantar e sono state utilizzate domande di screening per garantire che i partecipanti soddisfassero le definizioni concordate per i gruppi target in ciascun paese. Un totale di 1001 persone sono state intervistate a Taiwan.

Il reclutamento del sondaggio si basava esclusivamente sull'utilizzo di sigarette elettroniche, quindi tutti gli intervistati erano vapers. Tra di loro, più di un terzo ha utilizzato un prodotto del tabacco riscaldato (38%) e/o ha utilizzato un prodotto del tabacco per via orale (36%).

Le domande riguardavano una serie di argomenti, tra cui l'uso attuale e le percezioni dei prodotti, compresi gli atteggiamenti nei confronti di smettere di fumare e i metodi utilizzati per aiutare a smettere.

Lo svapo da solo è stato utilizzato come un modo per ridurre il fumo fino al 25% degli intervistati e dopo aver tentato di smettere di fumare in diverse occasioni. Tuttavia, l'approccio più comune utilizzato in questi tentativi precedenti era senza alcun farmaco o sostituto. Ben il 34% utilizza qualsiasi prodotto sostitutivo per ridurre la quantità di fumo e il 18% utilizzerà QUALSIASI prodotto sostitutivo per smettere di fumare del tutto.

Tutto sommato, mentre lo svapo è, nel complesso, più probabile che riceva l'approvazione da parte dei coetanei e della famiglia rispetto al fumo di sigarette o all'uso di prodotti del tabacco riscaldati o per via orale, è da notare che molti vapers si aspettano ancora di ricevere disapprovazione per l'uso di sigarette elettroniche.

Sono necessarie norme proporzionate al rischio per le sigarette elettroniche, in particolare incentrate sulla qualità e sull'uso da parte dei minori, nonché una correzione della disinformazione relativa a eventuali danni sovrastimati dello svapo e della nicotina.

Per leggere il resoconto riepilogativo, clicca QUI.

107.png

16.

UN NUOVO STUDIO SULLA MALESIA RIVELA CHE QUASI LA META' DEI FUMATORI SCEGLIE DI VAPARE PER RIDURRE IL FUMARE DI SIGARETTE O PER SMETTERE COMPLETAMENTE (49%).

È da notare che molti vapers si aspettano ancora di ricevere disapprovazione per l'uso di sigarette elettroniche, tuttavia, a conti fatti, è ancora PIÙ probabile che lo svapo riceva l'approvazione da colleghi e familiari rispetto al fumo di sigarette o all'utilizzo di prodotti del tabacco riscaldati o per via orale.

Alla fine del 2021, Kantar ha intrapreso uno studio sull'uso e gli atteggiamenti nei confronti dello svapo, dei prodotti del tabacco e delle sigarette in Malesia. Inoltre, Kantar ha lavorato alla progettazione del sondaggio, all'analisi e alla rendicontazione dei risultati. Lo studio è stato completato con le persone che hanno utilizzato sigarette elettroniche e/o altri prodotti del tabacco. Le domande riguardavano una serie di argomenti, tra cui l'uso attuale e le percezioni dei prodotti, compresi gli atteggiamenti nei confronti di smettere di fumare e i metodi utilizzati per aiutare a smettere.

Approccio e risultati del sondaggio

È stato utilizzato un approccio online con gli intervistati contattati tramite il pannello dei consumatori di Kantar e le domande di screening utilizzate per garantire che i partecipanti rispettassero le definizioni concordate per i gruppi target in ciascun paese. Un totale di 500 persone sono state intervistate in Malesia.

In Malesia, dove il reclutamento si basava sulle sigarette elettroniche e sull'uso del tabacco per via orale, quattro vapers su dieci usano anche un prodotto del tabacco riscaldato e uno su cinque usava anche un prodotto del tabacco per via orale. Per chi ha scelto di svapare perché gli piace il gusto, la frutta (61%) e la menta (44%) sono stati i gusti più apprezzati.

In generale, le persone hanno convenuto che le sigarette elettroniche dovrebbero essere messe a disposizione dei fumatori sulla base del fatto che sono un prodotto meno dannoso. Gli intervistati hanno concordato con la promozione delle sigarette elettroniche come alternativa meno dannosa al fumo di sigarette di tabacco.

Supporto ai regolamenti

La regolamentazione governativa delle sigarette elettroniche è fortemente sostenuta dagli intervistati. C'è anche un forte sostegno alla regolamentazione della qualità e alle vendite ai minori.

C'è un forte sostegno per una tassa sugli e-liquid utilizzati nei vaporizzatori, tuttavia la tassa (come annunciato durante il Budget 2022) è stata percepita come troppo alta.

Per leggere il resoconto riepilogativo, clicca QUI.

99.png

17.

RECENSIONE DEL LIBRO: IL DR COLIN MENDELSOHN È "LA SANA VERITÀ SULLO SVAPAMENTO

Nella nostra era di big data e iperconnettività, "stiamo affogando nelle informazioni ma siamo affamati di conoscenza", come disse una volta John Naisbitt. Dall'inizio dei pulsanti Mi piace e Condividi sui social media oltre 10 anni fa, la frammentazione delle prospettive della società nelle camere d'eco si è intensificata. Per controbilanciare questa catalizzazione delle nostre tendenze istintivamente tribalistiche a organizzarci in gruppi con credenze condivise, abbiamo bisogno di pensatori razionali che comunichino chiaramente per sfidare lo status quo.

Nel controllo del tabacco, lo status quo decennale è stato quello di considerare qualsiasi uso di nicotina, indipendentemente dal metodo di somministrazione, attraverso una lente binaria moralistica. Da ciò è nato l'approccio "smettila o muori" tradizionalmente impiegato da professionisti sanitari ben intenzionati nelle loro interazioni con i fumatori. Tuttavia, come spiega il dottor Colin Mendelsohn nel capitolo 3 ("Sfatare i miti sulla nicotina") del suo libro, la nicotina non provoca cancro, malattie polmonari o malattie cardiache. Supportato da oltre 400 pubblicazioni scientifiche e oltre 30 anni di esperienza come medico con un interesse specialistico per la cessazione del fumo, il dottor Mendelsohn spiega in modo convincente come sia gli operatori sanitari che i fumatori debbano indirizzare il fumo del tabacco combustibile come agente nocivo, non nicotina.

Guidando questa rivoluzione nel modo di pensare in Australia, il dottor Mendelsohn rappresenta uno di un elenco crescente di eminenti individui e organizzazioni globali esperti che supportano la riduzione del danno da tabacco come soluzione pragmatica, compassionevole e innovativa al principale killer prevenibile del mondo: fumare, non nicotina.

Abbiamo parlato con il dottor Delon Human, medico e CEO dell'Africa Harm Reduction Alliance, del libro del **dottor Mendelsohn**. Ha elogiato il suo obiettivo principale – aiutare i fumatori, così come il suo appello a un pubblico diversificato: “Il discorso pubblico sullo svapo e sulla riduzione dei danni causati dal tabacco è diventato sempre più polarizzato. In un ambiente così dogmatico, i fumatori sono lasciati in bilico su quale sia la verità. Il libro del dottor Mendelsohn taglia il rumore per fornire un caso avvincente e isterico per lo svapo di nicotina come alternativa praticabile e salvavita al tabacco combustibile. La sua autorità e chiarezza di comunicazione è informata da un impegno professionale per tutta la vita nell'aiutare i fumatori a smettere o passare a alternative più sicure e da una considerazione equilibrata delle prove scientifiche; il suo libro fa riferimento a oltre 400 pubblicazioni scientifiche. L'approccio razionale, articolato e compassionevole del dottor Mendelsohn piacerà allo stesso modo ai fumatori, alle loro famiglie, agli operatori sanitari e ai politici". – Dottor Delon Human.

Il libro del dottor Mendelsohn non solo fornisce una guida pratica e completa per i fumatori che considerano lo svapo un'alternativa più sicura al fumo, ma approfondisce anche le convinzioni della società sullo svapo. Nella parte 3 ("Controversie e soluzioni"), il dottor Mendelsohn analizza come siamo arrivati ​​a un punto nel dibattito in cui un apprezzamento delle prove scientifiche a sostegno dello svapo non è sufficiente per superare il veemente contraccolpo: "Gran parte dell'opposizione non riguarda il prova. È guidato più da programmi ideologici, morali, politici e di altro tipo nascosti. [Parte 3] esplora come i gruppi anti-vaping difendono l'indifendibile e giustificano la loro posizione senza il supporto della scienza”.

Per gli operatori sanitari, lo status di questo libro come "lettura obbligatoria" è cementato dal fatto che la stragrande maggioranza dei medici in uno studio recente credeva erroneamente che la nicotina causasse malattie cardiovascolari, BPCO e cancro. Al contrario, le prove pubblicate questo mese da un sondaggio nazionale australiano hanno rilevato che l'uso di vaporizzatori di nicotina per smettere di fumare ha aumentato le probabilità di successo del 68%-124% rispetto al non utilizzo di uno vaporizzatore. La ricerca del dottor Mendelsohn di condividere la sana verità sullo svapo come strumento per aiutare i fumatori a smettere è lodevole; consigliamo vivamente di leggere il suo libro.

Twitter Infographics THR.NET (15).png

18.

INTERVISTA AL DR DEREK YACH: COME L'INNOVAZIONE IN THR RAPPRESENTA LA SINGOLA OPPORTUNITÀ DI SALUTE PUBBLICA PIÙ IMPATTO

Intervista illuminante con il dottor Derek Yach di Taco Tuinstra di Tobacco Reporter, in cui il dottor Yach spiega come l'innovazione di THR rappresenti la singola opportunità di salute pubblica più impattante. Nelle sue osservazioni, ha descritto come la verifica indipendente della scienza alla base dei prodotti a rischio ridotto abbia trasformato il suo pensiero riguardo al coinvolgimento con l'industria:

"La storia della sfiducia è molto profonda e molto difficile da superare. Nella mia mente, il modo in cui l'ho superata è stato guardando effettivamente la scienza, guardando le prove e rendendomi conto che i benefici per la salute pubblica erano così grandi che Avevo bisogno di superare le mie preoccupazioni iniziali.

Non richiede che tu abbia fiducia nell'industria per andare avanti, richiede che tu verifichi quello che dicono che stanno facendo: verificare la qualità della scienza, verificarla in termini di studi a lungo termine, guardare la genomica, la metabolomica, la studi epidemiologici e clinici. Non c'è fiducia in questo, solo una capacità indipendente di giudicare la scienza." - Dr Derek Yach

Intervista completa QUI 👇

19.

NUOVO E – BOOK: LEADERSHIP FEMMINILE IN THR. INTERVISTA AD AISHAT ALARAN, FARMACISTA E RICERCATORE

AHRA(Africa Harm Reduction Alliance) ha ospitato una chat su Twitter con l'importante sostenitrice della THR Aishat Alaran (@alaranaishat) per saperne di più su una delle donne dietro l'organizzazione Campaign for Safer Alternatives (C.A.S.A). Aishat ha parlato apertamente e candidamente del motivo per cui è importante avere un'eguale rappresentanza di femmine e maschi in THR, affermando che "il fumo non è limitato a un genere, quindi la lotta per ridurre il fumo non dovrebbe essere limitata a un solo genere".

Ha anche raccontato ad AHRA di sua madre, che è stata costantemente una fonte di ispirazione per lei: "Mi dà esempi positivi che mi ricorda costantemente di sforzarmi di diventare la versione migliore di me stessa".

Quando le è stato chiesto come spinge per un cambiamento sistematico attorno a idee nuove o non popolari, parla candidamente di ciò che ritiene necessario fare per "cambiare lo status quo". Cita anche un'altra importante sostenitrice della THR, la professoressa Marewa Glover, come un'altra fonte di ispirazione, specialmente quando lavora sotto la sua guida durante una borsa di studio per la riduzione del danno da tabacco. Sorprendentemente, la professoressa Glover ha 100 pubblicazioni a suo nome.

Aishat ha recentemente parlato all'Africa Tobacco Harm Reduction Forum a Nairobi a febbraio, dove un post sui social media che la citava ha ricevuto la copertura più alta su tutte le nostre piattaforme THR.net e AHRA!

Clicca QUI per accedere al nuovo E – Book.

Hnet.com-image (4).png

20.

OGGI (1 APRILE 2022) - L'ITALIA RIDUCE L'IMPOSTA SUI LIQUIDI ELETTRONICI

Con un cambiamento che favorirà oggi i consumatori di svapo, l'Italia ha adeguato la sua tassa sugli e-liquid per la quarta volta in quattro anni.

L'aliquota fiscale sugli e-liquid contenenti nicotina diminuirà da € 0,175 (equivalente negli Stati Uniti: $ 0,19) per millilitro a € 0,13 e la tassa sugli e-liquid a zero nicotina scenderà da € 0,13/ml a € 0,08. Le nuove aliquote fiscali più basse sono in linea con i livelli fissati nel 2021 (questi livelli avevano visto un aumento a gennaio 2022).

L'Italia ha vissuto una storia turbolenta per quanto riguarda lo svapo di prodotti. Nel 2014, il governo ha prodotto vaporizzatori costosi quanto le sigarette, il che significava che il 75% della "fiorente" industria dello svapo era stata spazzata via. La tassa era la più alta dell'UE, il che ha quasi raddoppiato il prezzo dell'e-liquid. Ciò significava che i vapers ora stavano cercando il mercato nero e alcuni tornavano a fumare.

Tuttavia, nel 2019 la comunità dello svapo ha esercitato pressioni sui legislatori parlamentari e alla fine hanno ridotto l'aliquota fiscale dell'80%, a 0,08 € per ml molto più ragionevoli per gli e-liquid contenenti nicotina e a 0,04 € per i succhi elettronici privi di nicotina . Tuttavia, l'anno scorso i legislatori hanno aumentato ancora una volta le tasse, per poi (finalmente) ridurle oggi.

Riferimenti

  1. Vaping 360: https://vaping360.com/vape-news/113815/italy-will-reduce-e-liquid-tax-april-1st/

2 hands for Italy post.jpg

21.

Il Dipartimento della Salute australiano sta cercando feedback su come ridurre il fumo nella bozza della Strategia nazionale sul tabacco 2022-2030.

Questa è un'opportunità per i vapers di essere ascoltati prima che la politica anti-vaping sia bloccata per il resto del decennio.

Il progetto di strategia manca di urgenza. Fissa un obiettivo molto modesto di <10% di fumatori giornalieri per adulti entro il 2025. In netto contrasto, la Nuova Zelanda ha recentemente fissato un obiettivo di <5% di fumatori giornalieri per adulti entro il 2025 per tutti i gruppi di popolazione, compresi i gruppi Maori e Pacifica. Lo svapo è un elemento chiave di questo piano.

Si prega di inviare una richiesta entro la scadenza del 24 marzo 2022. Maggiori informazioni su come presentare una richiesta sono disponibili qui.

"L'elemento principale mancante nella bozza della Strategia è la riduzione del danno da tabacco, ovvero l'uso di alternative più sicure alla nicotina come lo svapo, i prodotti del tabacco riscaldati, lo snus svedese e le buste di nicotina per i fumatori che non sono in grado di smettere con altri metodi"

Lo svapo è supportato dal Royal Australian and New Zealand College of Psychiatrists e dal Royal Australian College of General Practitioners per i fumatori che non sono in grado di smettere con le strategie convenzionali. Tuttavia, il progetto di strategia ignora i loro consigli. In Australia è più facile acquistare una sigaretta mortale che un'alternativa molto più sicura.

Continuare il tradizionale approccio "smettila o muori" si tradurrà in un continuo lento calo dei tassi di fumo in Australia e in un altro imbarazzante fallimento nel raggiungere l'obiettivo del fumo. I fumatori vengono gettati sotto l'autobus. Dobbiamo fare meglio.

Aus Post.png

22.

Il governo gallese sta cercando commenti sul progetto di strategia di controllo del tabacco a lungo termine per il Galles: un Galles senza fumo e il nostro primo piano di consegna biennale

La bozza di strategia definisce la visione del governo gallese per un Galles senza fumo entro il 2030, ciò significa raggiungere un tasso di prevalenza del fumo negli adulti del 5% o meno nei prossimi otto anni.

Per sostenere questa ambizione, porteranno avanti il ​​lavoro sui tre temi chiave della riduzione delle disuguaglianze, delle generazioni future e dell'approccio del sistema intero per un Galles senza fumo.

La consultazione si concluderà il 31 marzo 2022. Vogliono ascoltare le opinioni e ottenere feedback sui loro piani per il controllo del tabacco in Galles da tutte le persone colpite dal tabacco in Galles, compresi il pubblico, i giovani e le parti interessate.

Stanno anche pianificando eventi di coinvolgimento durante il periodo di consultazione. Se desideri essere coinvolto, contattali all'indirizzo: [email protected] per ulteriori dettagli.

Pagina del governo per saperne di più sulla Consultazione: QUI

Come rispondere

Invia i tuoi commenti entro il 31 marzo 2022, in uno dei seguenti modi:

  1. Completa il nostro modulo online

  2. Scarica, completa il nostro modulo di risposta e invia un'e-mail a [email protected]

  3. Scarica, compila il nostro modulo di risposta e invia a:

Comportamenti a rischio Team governo gallese Cathays Park Cardiff CF10 3NQ

Welsh Post.png

23.

EVIDENZA: IN CHE MODO GLI AROMI DI VAPING AIUTANO A SALVARE VITE?

Guarda il nostro ultimo video per rimanere informato sul ruolo che i sapori di svapo svolgono nel salvare vite!

24.

SAJID JAVID TRAMA LA RIVOLUZIONE DEL VAPING PER AIUTARE I POVERI A VIVERE PIÙ A LUNGO

Il segretario alla salute del Regno Unito, Sajid Javid MP, ritiene che sia un "oltraggio morale" il fatto che le persone più ricche d'Inghilterra vivano in media fino a un decennio in più rispetto ai più poveri.

Per aiutare ad affrontare questa disparità, sta pianificando una rivoluzione dello #vaping, scrive Caroline Wheeler nell'edizione di ieri del Sunday Times.

"L'Inghilterra diventerà il primo Paese al mondo a prescrivere sigarette elettroniche al SSN per aiutare i fumatori a smettere di fumare come parte dei piani per aumentare l'aspettativa di vita per i più poveri.

Sajid Javid, il segretario alla salute, ritiene che sia un "oltraggio morale" il fatto che le persone più ricche d'Inghilterra vivano in media fino a un decennio in più rispetto ai più poveri.

Annuncerà i piani per affrontare le cause profonde quando svelerà il suo white paper sulle disparità di salute questa primavera. Resta inteso che ciò includerà una "rivoluzione dello svapo" che consentirà ai medici di base di prescrivere sigarette elettroniche al servizio sanitario nazionale".

550 width image ST.jpg

25.

NICOTINA ORALE IN AFRICA: UN APPELLO PER GLI STANDARD DI SICUREZZA DEI PRODOTTI, DICE GLI ESPERTI DI RIDUZIONE DEL DANNO DEL TABACCO

Un gruppo di esperti di riduzione del danno da tabacco di fama mondiale ha parlato all'Africa Tobacco Harm Reduction Forum (ATHRF) una settimana fa, per discutere un prodotto potenzialmente trasformativo per il mercato africano: #OralNicotine (È una porta per un'Africa senza fumo?).

Guarda la registrazione completa dell'evento QUI sul canale YouTube di AHRA!

26.

Il termine improprio di 'EVALI' è "in realtà uccidendo persone"

Le percezioni errate sulla sicurezza dello svapo sono diffuse; il nome improprio di 'EVALI' è un importante contributore. Non ci sono prove che qualcuno abbia sviluppato EVALI dalla nicotina #ecigs. Piuttosto, si trattava di prodotti THC illeciti contenenti acetato di vitamina E.

Il costo di questa disinformazione è che solo l'11,2% degli intervistati al 2020 HINTS survey del National Cancer Institute (NCI) ha affermato che le sigarette elettroniche sono più sicure delle sigarette combustibili, un fatto riconosciuto dai Centers for Disease Control and Prevention.

75 esperti di salute pubblica e il procuratore generale dell'Iowa Tom Miller, ha scritto ai Centers for Disease Control and Prevention nell'agosto 2021 presentando una petizione per la lesione polmonare da rinominare Adulterated THC Vaping Associated Lung Injury (ATHCVALI). Questo nome comunica molto più accuratamente al pubblico quali sono i rischi per la salute. Tuttavia, il CDC ha finora rifiutato di correggere il nome improprio di "EVALI".

Uno dei 75 esperti di salute pubblica, Michael Pesko (economista sanitario presso la Georgia State University), ha detto al giornalista Marc Gunther: "Il CDC ha commesso un errore grossolano. L'errore di comunicazione del CDC in realtà sta uccidendo le persone, secondo me."

Lettura consigliata:

HINTS survey 2020 misinformation.png

27.

A FAVORE DEL GUSTO - UN RAPPORTO CHIAVE SU COME I SAPORI NELLA RIDUZIONE DEL DANNO DEL TABACCO SALVANO VITE

E-Cig banners-01 (1).png

Il rapporto multidimensionale del dott. Konstantinos Farsalinos sugli aromi di svapo intitolato "Il caso degli aromi nella riduzione del danno da tabacco per salvare vite umane" esamina la scienza, le intuizioni dei consumatori, i rischi e le considerazioni normative relative agli aromi di svapo.

La revisione conclude che le restrizioni sui sapori di svapo rischierebbero di ridurre seriamente il potenziale salvavita di questi prodotti innovativi.

Clicca QUI per leggere il rapporto completo, o QUI per leggere l'Executive Summary.

28.

Titoli allarmistici infondati: reazione degli esperti all'abstract non pubblicato che afferma che "rischio di ictus più alto del 15% in giovane età" per gli utenti di sigarette elettroniche

Sfortunatamente, la scorsa settimana sono circolati in tutto il mondo titoli allarmistici, basati su un estratto di uno studio inedito. Successivamente è stato RITIRATO dell'American Heart Association, che ha dichiarato: "Questo abstract non sarà più presentato alle Scientific Sessions 2021. Sfortunatamente, i ricercatori non sono stati in grado di completare la loro presentazione". Lo studio ha affermato che gli utenti di sigarette elettroniche hanno un rischio maggiore del 15% di avere un ictus in giovane età. Tuttavia, dopo la revisione tra pari e SCRUTINIO dei dati, questa affermazione si è rivelata metodologicamente errata. Fai clic su QUI per saperne di più sulla reazione di esperti di spicco all'affermazione errata.

29.

IMPLICAZIONI DEL VAPING NEGLI USA PER LA SALUTE PUBBLICA: IL MODELLO SAVM DI PROF LEVY PREVEDE 38,9 MILIONI DI ANNI DI VITA SALVATI E 1,8 MILIONI DI MORTI EVITATI ENTRO IL 2060

"Le persone che usano regolarmente i vaporizzatori hanno tassi di cessazione dal fumo molto più alti", ha spiegato il Professor David Levy al recente No Smoke Summit.

Questa è la chiave del potenziale salvavita della promozione di prodotti per lo svapo di nicotina ai fumatori che stanno lottando per smettere di fumare. Il modello di simulazione SAVM appena pubblicato dal prof. Levy calcola le morti evitate e gli anni di vita guadagnati entro il 2060, se i fumatori adulti passassero a vaporizzatori significativamente meno dannosi. Il risultato? 1,8 milioni di vite salvate e 38,9 milioni di anni di vita guadagnati.

Clicca qui per guardare il video di vite salvate:

30.

IMPLICAZIONI DEL VAPING SULLA SALUTE PUBBLICA IN GERMANIA: IL MODELLO SAVM DEL PROF LEVY PREVEDE 4,7 MILIONI DI ANNI DI VITA SALVATI E 300.000 MORTI EVITATI ENTRO IL 2060

Nella popolazione tedesca di 84 milioni, 1 persona su 4 fuma ancora sigarette. Secondo il loro ministero della salute, il fumo è la principale causa prevenibile di morte e malattia in Germania. Nel frattempo, ci sono prove crescenti che i prodotti per lo svapo di nicotina sono significativamente meno dannosi del tabacco combusto e forniscono una via di fuga praticabile per i fumatori che vogliono smettere, ma non possono.

Cosa accadrebbe se i fumatori tedeschi passassero a prodotti per lo svapo di nicotina meno dannosi? Al No Smoke Summit nel settembre 2021, il professor David Levy della Georgetown University ha spiegato in riferimento al suo modello di simulazione SAVM di nuova concezione: 4,7 milioni di anni di vita salvati e 300.000 morti evitate entro il 2060.

Clicca qui per vedere la sua presentazione:

01

Eventos:

Eventos que podrían ayudar a dar forma a la ciencia, las políticas, la participación del consumidor y los productos relacionados con la reducción del daño causado por el tabaco.

02

Sitios web útiles de THR:

Sitios recomendados para aprender más sobre el control del tabaco y la reducción de daños.

03

Consultas gubernamentales sobre THR:

LE RESTRIZIONI PROPOSTE DAL CANADA SUI GUSTI NEI PRODOTTI DA VAPING POTREBBERO INFLUENZARE MILIONI DI FUMATORI ADULTI, AVVISANO GLI ESPERTI INTERNAZIONALI

Health Canada ha cercato commenti sul divieto proposto di vaporizzare aromi, fare clic qui sotto per leggere i commenti.

04

Organización Mundial de la Salud (OMS):

Reconocimiento de la OMS de la Reducción de Daños del Tabaco en el Convenio Marco para el Control del Tabaco (CMCT). El CMCT es el tratado legal global que se utiliza para dar forma a la política de control del tabaco.

05

Blogs influyentes de THR:

Varias personas influyentes en la salud pública individuales y organizativas influyen en el debate sobre la ciencia y la política de reducción del daño del tabaco. Tenga en cuenta que no hay enlaces entre este sitio web y los blogueros, y háganos saber si hay personas o grupos que debamos agregar.

06

Directiva sobre productos del tabaco (TPD):

El TPD de la Unión Europea es el marco regulatorio relativo a la fabricación, presentación y venta de tabaco y productos relacionados. Los productos novedosos y la regulación de los cigarrillos electrónicos se tratan en los artículos 19 y 20.