Uno studio condotto da un'importante istituzione studia il potenziale impatto sulla salute pubblica della riduzione delle restrizioni sui prodotti di svapo in Australia. Il manoscritto accettato, pubblicato sulla rivista Nicotine & Tobacco Research, è stato scritto dai principali ricercatori Professori David Levy, Coral Gartner, Ron Borland e Michael Cummings.

La metodologia di studio si basa su uno strumento di ricerca noto come Smoking And Vaping Model (SAVM), che è stato sviluppato da Professor Levy et al per studiare l'impatto che l'uso dei prodotti per lo svapo di nicotina (NVP) nel Gli USA avrebbero sulla salute pubblica (vedi qui).

SAVM adotta un approccio di coorte confrontando i decessi attribuibili al fumo e alle NVP e gli anni di vita persi in uno scenario No-NVP e NVP. Le stime basate su scenari si basavano sulle tendenze australiane e statunitensi, con dati derivati ​​dalle seguenti fonti: Australian National Health Survey, Cancer Intervention and Surveillance Modeling Network (CISNET) e US National Health Interview Surveys ( NIS). Le differenze di esito della salute pubblica sono state misurate come la differenza tra le morti attribuibili al fumo e allo svapo (SVAD) e gli anni di vita persi (LYL) negli scenari NVP ristretta e permissiva, con analisi di sensibilità per quanto riguarda il rischio in eccesso NVP e altri fattori.

Risultati tra i maschi: secondo le normative vigenti, il tasso di fumo in Australia scenderebbe dal 14,5% nel 2021 al 7,6% nel 2080. Se le restrizioni sull'acquisto di prodotti a vapore venissero revocate, il tasso scenderebbe invece all'11,1% nel 2026 e 2,2% nel 2080.

Risultati tra le femmine: le differenze erano più sottili; in caso di accesso limitato ai prodotti a vapore, la prevalenza del fumo finirebbe al 4,8% nel 2080 rispetto all'1,7% nello scenario permissivo.

Conclusioni

Secondo questo studio, ci sarebbe una riduzione totale delle morti attribuibili al fumo e allo svapo (SVAD) del 7,7% (104,2 per mille), entro il 2080 e una riduzione del 17,3% degli anni di vita persi (LYL), rispetto alle normative vigenti.

I risultati della modellazione suggeriscono che "l'allentamento delle restrizioni di accesso alla NVP in Australia potrebbe produrre un beneficio netto per la salute pubblica". Tuttavia, gli autori affermano anche che "il numero stimato di decessi evitati a causa della politica rilassata è sensibile alle ipotesi sui presunti rischi relativi dell'uso di NVP rispetto al fumo e alle stime del passaggio dalle sigarette alle NVP".

Perché questo studio è significativo? Presenta prove e dati sottoposti a revisione paritaria che dimostrano il potenziale effetto sulla salute pubblica in Australia se le attuali restrizioni sui prodotti di svapo fossero allentate. Presenta anche dati per mostrare l'impatto se le restrizioni non vengono allentate, dimostrandolo in termini di morti e vite salvate. Pertanto, questo studio fornisce un argomento convincente per valutare l'impatto sulla salute pubblica dell'accesso limitato ai prodotti di svapo, che ha conseguenze controintuitive. Questo studio dovrebbe informare la politica sul tabacco del governo australiano e potrebbe fungere da documento di difesa nei paesi in cui lo svapo è vietato o limitato.

Fai clic qui per leggere il manoscritto completo.

Fare clic su qui per leggere informazioni sulla riduzione del danno da tabacco e prodotti per smettere di fumare. Consulta la nostra pagina delle risorse per saperne di più.

further reading